Anthony Thevenet 🇫🇷

L’interpretazione di Anthony Thevenet del Beaujolais è una combinazione unica di vini dei decenni passati e la tendenza odierna di interpretazioni voluttuosamente fruttate e precoci con un tocco serio. Dopo essersi fatto le ossa nella cantina di Georges Descombes, uno dei veterani locali della vinificazione naturale, seguiti da cinque anni come braccio destro di Jean Foillard, uno dei veri luminari del Beaujolais, si è messo in proprio. Il 2013 è stata la sua prima annata, anche se la sua passeggiata nel fuoco è iniziata all’inizio della sua carriera con la calda annata 2015 seguita dal 2016, dove la grandine ha distrutto la maggior parte della sua produzione quell’anno, mettendo alla prova le sue capacità nella gestione di risultati che nessuno ha visto nel Beaujolais come da quando sua nonna di 90 anni è stata in giro. Se uno fosse stato presentato ai suoi vini nel 2015 o nel 2016, sarebbe stato difficile prevedere dove fosse diretto Anthony, nonostante abbia creato alcuni dei più avvincenti 2015 che ho assaggiato da tutti i grandi del Beaujolais. Ma se l’hai beccato all’inizio, come abbiamo fatto noi, con le sue fantastiche annate 2013 e 2014, la scritta era già sul muro: è destinato a ritagliarsi un posto tra i migliori del Beaujolais durante la nostra vita.
Con una preferenza per i vini che uniscono forza, struttura e viscere, Anthony ha sia lo stile del vino del vecchio, invecchiato in botti grandi e vecchie da 600 litri e imbottigliato sotto la sua gamma Vieilles Vignes, pur mantenendo il nuovo stile dei vini Beaujolais del vitigni più giovani etichettati semplicemente come Morgon e Chénas. A parte i suoi precedenti mentori, è ampiamente influenzato dalle generazioni prima di lui che sono abbastanza grandi da essere suo padre o nonno. Personaggi come Jean-Louis Dutraive (che lo tratta come un figlio) e Yvon Metras, insieme a una sfilza di nuovi viticoltori nel Beaujolais, hanno un grande rispetto per Anthony e la sua versatilità come viticoltore.
Il lavoro in vigna di Anthony è svolto rigorosamente in agricoltura biologica e lui e suo padre, Guy, fanno tutto a mano, inclusa la rimozione delle erbacce con l’aiuto del loro cavallo di metallo, un piccolo trattore usato per tirare una lama di metallo che camminano dietro e guidano a mano verso isolare le erbacce e sfiorare a malapena il terriccio per avere un impatto minimo sui microbi e sugli insetti benefici solo pochi centimetri sotto la superficie. Il padre di Anthony ha lasciato la sua carriera come meccanico Mercedes per sostenere il sogno e l’evidente talento di suo figlio, e ora passa tutto il suo tempo a prendersi cura delle vigne. Non ci sono trattamenti nei loro vigneti a parte rame e zolfo, entrambi legali per il biologico e il biodinamico pratiche accettate nella comunità del vino naturale.
Tutti i vini della cantina Thevenet sono vinificati mediante fermentazione carbonica a grappolo intero e l’aggiunta di solfiti avviene poco prima dell’imbottigliamento. I lieviti utilizzati indigeni in cantina e le fermentazioni “infusione” (che significa poco o nessun movimento delle uve durante la fermentazione) durano per i venti giorni circa, a seconda dell’anno. Tutti i vini completano la fermentazione malolattica e non vengono effettuate chiarificazioni o filtrazioni.
Con la morte del nonno, Anthony e suo padre hanno immediatamente convertito tre ettari dei nove di famiglia alla viticoltura biologica e hanno in programma di convertire il resto man mano che coltivano la loro produzione. Nel 2014, ha aggiunto un piccolo appezzamento di Côte du Py alla gamma dei suoi vini di domaine, e nel 2016 e 2017 ha affittato alcuni vigneti di Beaujolais Village e Chénas.
Morgon è uno dei cru più celebrati del Beaujolais e si trova nel cuore dei suoi dieci comuni cru. Con un clima semi-continentale di estati lunghe e calde e inverni freddi, la regione è perfetta per il Gamay, un’uva dalla grande versatilità che ha il potenziale per produrre vini fini, eleganti e complessi come molti Borgogna e, sul lato opposto del lo spettro, vini di grande forza e struttura con sfumature più strettamente legate ai loro vicini dall’altra parte di Lione dalla Valle del Rodano settentrionale.
La storia geologica del Beaujolais Crus è in gran parte associata all’antica formazione rocciosa francese, il Massiccio Centrale, una catena montuosa pesantemente erosa di oltre 300 milioni di anni nella metà inferiore della Francia. Il substrato roccioso nel Beaujolais settentrionale è esattamente l’opposto dei loro vicini settentrionali della Borgogna che coltivano Pinot Nero e Chardonnay su un substrato roccioso calcareo e argilla. Qui è composto principalmente da rocce acide (il calcare è alcalino) come granito e rocce ignee vulcaniche, e scisti metamorfici e gneiss, e apparentemente una scorta infinita di altre formazioni rocciose.
Morgon, dove si trovano tutti i vigneti della famiglia Thevenet, si trova appena a sud di Fleurie e Chiroubles su un substrato roccioso e suolo composizione fatta principalmente di granito, anche la formazione rocciosa contigua da Chénas fino a Brouilly è in gran parte granitica, con diversi gradi di suolo granitico, dalle sabbie granitiche fini ai siti ghiaiosi grossolani e conoidi alluvionali che possono cambiare completamentela struttura del suolo.
Può sembrare eccessivo per i fanatici del vino approfondire un argomento come il suolo , ma in generale ha un grande impatto sulla forma di un vino e sulle sue sfumature, siano esse sottili o potenti. È comunemente osservabile nel caso del Beaujolais, e altrove, che i suoli più sabbiosi apportano eleganza e portanza aromatica, mentre i suoli più sassosi tendono in qualche modo a restringere il vino, portando densità al nucleo e tannini spesso più duri. Questo è solo un piccolo assaggio di molti esempi che potrebbero essere citati sulla base suolo granitico.
I terreni granitici sabbiosi e rocciosi forniscono ai vini Morgon di Thevenet una certa struttura e ricchezza a tutto tondo con portanza e grazia raramente eguagliate da altri cru, sebbene ogni cru abbia la propria personalità e forza. A differenza del resto di Morgon, la sua famosa collina, la Côte du Py, ha un aspetto unico suolo tipo abbastanza diverso dal granito, composto principalmente da roccia metamorfica (il granito è una roccia ignea) e rende alcuni degli esempi più potenti di Beaujolais.
La Côte du Py è un grumo arrotondato e indipendente di una collina composto principalmente da rocce metamorfiche estremamente dure, generalizzate in gran parte come scisto, di colore variabile dall’arancione alle sfumature chiare e scure del verde acqua. Importante da notare su questa collina è che il substrato roccioso è incredibilmente duro e spesso scarso nel terriccio, creando vini potenti con linee più definite e un profondonucleoconcentrazione rispetto a quella tipica dei vini coltivati in granito. I vini cresciuti in scisto e altre rocce metamorfiche mostrano pronunciate sfumature pietrose, minerali e profondamente metalliche uniche nell’aroma, nel gusto estruttura. All’interno della gamma di qualsiasi coltivatore che abbia la Côte du Py e altri siti di Morgon, i vini di questa collina si distinguono per forma e statura.
Per contestualizzare meglio questa suggestione gustativa tra granito e scisto, si confronti il Côte-Rôtie proveniente dalla Côte Brune con un Saint-Joseph di Mauves; o più facilmente (e conveniente) un Saint-Joseph da Chavanay a un Mauves Saint-Joseph, i due reggilibri della denominazione rispettivamente da nord a sud. All’apparenza, il vino Mauves è probabilmente un rosso più profondo e pieno, ma anche più elegante e orizzontale al palato rispetto ai vini Saint-Joseph, spesso tesi, metallici e verticali più a nord. Questo è il caso della forma Côte du Py intensamente concentrata e strutturata di Thevenet rispetto al suo più elegante Morgon Vieilles Vignes coltivato esclusivamente su roccia granitica e sabbia granitica. Tuttavia, le sue viti sulla Côte du Py hanno più di ottant’anni e c’è una ricchezza di frutti esotici densi ma appuntiti nonostante la sua intensa concentrazione.
A partire dal 2017, Chénas è diventato un’importante aggiunta all’elenco dei vini di Thevenet. È il più piccolo dei dieci cru del Beaujolais e si trova a circa quindici-venti minuti di auto a nord di Morgon, a seconda di chi guida. Ha trovato un buon appezzamento di viti molto vecchie su un terreno soffice pendenza con sabbia di granito rosa intenso e terriccio ghiaioso, una combinazione che rende i vini con grande portanza aromatica, minerali intensità e profondità. Qui i vitigni antichi vengono imbottigliati con l’etichetta Chénas Vieilles Vignes, mentre i vitigni più giovani vengono imbottigliati semplicemente come Chénas. Questi appezzamenti sono in affitto ma sono stati subito convertiti alla coltura biologica e lavorati da Anthony e suo padre.

Cantine
Vitigni
Regioni
Tipologia di vino

Compila il form per richiedere il listino prezzi

Inserisci tutte le informazioni aziendali e lasciaci un tuo recapito, ti ricontatteremo appena possibile, inviandoti il nostro Listino prezzi aggiornato.

rutaN è...

…farvi avvicinare al mondo naturale, raccontarvi le storie di ogni contadino, condividere le emozioni, farvi conoscere la selezione di ottimi prodotti fatti come una volta, prodotti ancestrali.

Una ricerca minuziosa nella selezione.

Anni di fiere e visite in aziende per cercare di capire questo mondo straordinario da condividere.
rutaN é dunque Natur, é un progetto di ricerca e sperimentazione, pronto a decollare.

SCOPRI LA FILOSOFIA