Weingut Jus Naturae 🇩🇪

Io (Florian Wecker):
Nato a New York City/USA. Cresciuto a Düsseldorf/Germania. Ha studiato giurisprudenza a Münster. Ha lavorato come avvocato per diritto societario e fusioni e acquisizioni (fusioni e acquisizioni) a Düsseldorf prima di diventare un avvocato autonomo. Mai veramente appassionato di questo lavoro. Ecco perché ho sempre tenuto gli occhi aperti per qualcosa che fa davvero scattare la mia passione. Alla fine ho avuto un cliente del settore vinicolo con il quale stavo viaggiando in diverse cantine in Europa che erano in vendita. Ero io a redigere gli SPA (accordi di compravendita). Prima ero solo un appassionato di vino. Da questo momento sono stato affascinato dall’idea di essere un enologo. Tramite la mia rete mi sono organizzato per partecipare ad una vendemmia in Südtirol presso la cantina Alois Lageder (2016). Lì ho incontrato Georg Meissner, a
riferimento nella viticoltura biodinamica in Germania. Ho deciso di fare uno stage di 6 mesi presso Alois Lageder e ho fatto domanda per un programma di master in viticoltura ed enologia (Vinifera EuroMaster) presso SupAgro a Montpellier (2017). Il secondo anno dei miei master l’ho trascorso a Lisbona e ho lavorato nella valle del Douro per Niepoort (2018). Dopo i master ho lavorato presso l’azienda vinicola di un amico a Mendoza/Argentina prima di venire nella Mosella dove ho lavorato con Rudi Trossen (2019). Lì ho scoperto il mio primo vigneto (ai tempi abbandonato) a Kinheimer Hubertuslay che ho acquistato nel 2020 e ho avviato il mio Weingut Jus Naturae

Il nome Jus Naturae:
Il nome della cantina “Jus Naturae” deriva dal latino e significa legge di natura. Ciò esprime il fatto che rispetto il più possibile le leggi e i ritmi della natura e ad essi adeguo i miei metodi di lavoro. Il nome è anche un riferimento al mio passato professionale di avvocato e al fatto che non seguo più le leggi dell’uomo ma le leggi della natura. Del resto, il nome latino è anche un omaggio ai romani, che portarono la viticoltura nella Mosella.
Vigneti:
Oggi ho 1,3 ettari di vigneti a Kinheim (Kinheimer Hubertuslay, Kinheimer Rosenberg), Kröv (Kröver Steffensberg) e Erden (Erdener Treppchen). Dal momento che ho lavorato principalmente con produttori biologici e/o biologici/biodinamici, è stato sempre chiaro per me fare lo stesso. Sono in procinto di ottenere la certificazione biologica. La prima annata certificata sarà il 2024. Tutti i vigneti acquistati sono piantati con vecchie viti Riesling (in media 40 anni). Metà è il sistema di allevamento Mosel Single Pole della vecchia scuola, l’altra metà doppio guyot in VSP. L’anno scorso ho ripiantato un vigneto con Pinot Noir.
Cantina:
Se dovessi riassumere molto brevemente il mio approccio in cantina lo definirei “vinificazione con intervento minimo“. Ovviamente questo non significa che lasci che la magia accada e speri che tutto vada bene. uve sane di qualità, che richiedono vigneti con un terroir eccezionale, suoli sani con biodiversità. Lo stesso vale per i microrganismi nella tua cantina. Tutti i vini sono prodotti con fermentazione spontanea. Non sono un vignaiolo naturale dogmatico. Il mio focus è sui vini naturali, il che significa secondo la mia personale definizione “niente aggiunto – niente tolto“. Ma ammiro anche i vini classici della Mosella. Quindi ho anche una linea di vino dove aggiungo la quantità necessaria di solfiti e faccio la filtrazione (ma nessuna chiarifica o aggiunta di altri prodotti enologici). Uso vecchi Moselfuder e serbatoi di acciaio inossidabile.
Vini:
Come accennato in precedenza, ho due linee di vini: la linea di vini naturali “Nudus” e la linea di vini più classici. Tutti i vini sono prodotti con uve biologiche. Tutti i vini sono prodotti con fermentazione spontanea. Di solito le fermentazioni procedono lentamente per un tempo piuttosto lungo , perché non applico il controllo della temperatura e la mia vecchia cantina si raffredda d’inverno. I vini naturali sono solitamente fatti in legno, mentre i vini più classici sono solitamente fatti in acciaio inox. Dedico molto tempo ai vini, in particolare per i vini naturali, perché hanno bisogno di stabilizzarsi dal punto di vista microbiologico e trovare armonia prima di essere imbottigliati. Di solito lascio i vini tutto il tempo sui lieviti. L’unica differenza tra i vini naturali e quelli classici è che aggiungo solfiti e filtro i vini classici In base all’annata decido se i vini classici sono secchi o con zuccheri residui.

Cantine
Vitigni
Regioni
Tipologia di vino

Compila il form per richiedere il listino prezzi

Inserisci tutte le informazioni aziendali e lasciaci un tuo recapito, ti ricontatteremo appena possibile, inviandoti il nostro Listino prezzi aggiornato.

rutaN è...

…farvi avvicinare al mondo naturale, raccontarvi le storie di ogni contadino, condividere le emozioni, farvi conoscere la selezione di ottimi prodotti fatti come una volta, prodotti ancestrali.

Una ricerca minuziosa nella selezione.

Anni di fiere e visite in aziende per cercare di capire questo mondo straordinario da condividere.
rutaN é dunque Natur, é un progetto di ricerca e sperimentazione, pronto a decollare.

SCOPRI LA FILOSOFIA